Inti Illimani de siempre

Ringraziamo Antonio che ci ha segnalato una bella intervista a Jorge Coulon (la potete leggere cliccando qua) realizzata da Marcelo Macellari per La Estrella de Valparaíso.

In questa intervista viene illustrato il loro nuovo progetto liveInti Illimani de siempre” realizzato insieme allo scrittore Jorge Baradit, e si accenna alla partecipazione ad un disco tributo a Walter Ferguson e ai nuovi dischi di Giulio Wilson (cantautore fiorentino che in tutta onestà non abbiamo mai sentito nominare) e Francesca Gagnon.

Il gruppo continua ad essere piuttosto attivo nonostante la scomparsa (cui non hanno mai fatto accenno) dalle foto e dai concerti di Juan Flores

 

Annunci

Morena e Tierna como tú

Sapete quanto apprezziamo il blog Discoteca Nacional Chile, particolarmente quando scova chicche come questa relativa a José Seves.

Si tratta di un singoletto del quale non conoscevamo l’esistenza, risalente alla fine degli anni ’60, in cui Seves interpreta due brani di Desiderio Arenas: “Morena” e “Tierna como tú“.

Tutti i dettagli e, soprattutto, la possibilità di ascoltare questo reperto cliccando qua.

E vigorosi applausi per gli amministratori del sito.

Canto per un seme (in video)

Cogliamo l’occasione dei due deliziosi video postati dall’immenso Barcata per sottolineare una cosa.

La RAI, millemila anni fa, ad occhio alla fine dei ’70, trasmise l’intero “Canto per un seme“, registrato dal vivo con Isabel Parra ed Edmonda Aldini a dare man forte agli Inti-Illimani.

Di queste riprese s’è persa ogni traccia, mai replicate, mai più trasmesse, ma da qualche parte pure saranno.

Documentario della TV sovietica

 

Interessante frammento video pubblicato (e recuperato chissà come) da Barcata, con giovani Inti-Illimani e un brano da loro interpretato che non ho riconosciuto (ma mi sto facendo vecchio e non ho dedicato tempo alla ricerca).

Dovremmo essere nel 1972.

Ugo Gregoretti

Anche noi piangiamo la scomparsa di Ugo Gregoretti.
Lo vogliamo ricordare con le immagini di questo gioiellino da lui firmato, quanto di meglio realizzato in Italia negli anni in cui gli Inti-Illimani erano al massimo della fama.

 

 

Jorge Coulón a Roma

Riporto quanto comunicato dalla associazione romana Grande Come una Città.


“L’8 giugno alle 12,30, presso il tendone del III° Municipio (via Monte Berico, 5), Grande Come una Città ha organizzato un incontro con Jorge Coulon Larrañaga membro fondatore degli Inti Illimani.
Attraverso le parole e le canzoni, Jorge racconterà gli anni di Unidad Popular e del governo Allende, il golpe di Pinochet, la rivoluzione culturale della Nueva Cancion Chilena, Victor Jara, Violeta Parra e l’esilio in Italia.”

Il mondo degli ultimi (una piccola analisi della colonna sonora)

Torniamo per la terza volta ad occuparci della colonna sonora del film di Gian ButturiniIl mondo degli ultimi” (ne avevamo parlato una prima volta qua e, soprattutto, in quest’altro post dal quale si poteva vedere l’intero film).


Dopo averlo visionato abbiamo tirato qualche conclusione trovando al suo interno molti e diversi materiali. Proviamo a distinguerli.

1) materiali già editi

All’interno del film trovano spazio brani degli Inti-Illimani nelle versioni già pubblicate all’epoca.
Si tratta di “Sikuriadas” (ben 5 volte), del “Tema de la quebrada de Humahuaca” (2 volte) e di uno spezzone
strumentale di “Canto a los caidos” (una volta).

2) materiali noti, ma in altra forma

Ci sono poi alcune composizioni di Salinas presentate con un arrangiamento differente rispetto a quello
inciso dagli Inti-Illimani, e precisamente:

  • El equipaje del destierro” (10 volte, nella versione che poi comparirà nella cassetta “La musica de Horacio Salinas“)
  • La ronda” (una volta, anche lei nella versione che poi comparirà nella cassetta “La musica de Horacio Salinas“)
  • Palimpsesto” (una volta, solo la parte del flauto traverso presente nella cassetta “La musica de Horacio Salinas“)
  • Samba lando” (una volta, versione strumentale inedita)
  • un tema per sikus proveniente da “Hermanochay

3) materiali del tutto inediti

infine troviamo alcuni temi che mi sembrano del tutto inediti:

  1. un tema per ensemble acustico che si ascolta proprio all’inizio del film (e torna poi altre sette volte) della durata di poco più di un minuto e mezzo con uno strumento a fiato solista dal tono grave che potrebbe essere un corno
  2. un tema per chitarra solista e archi, di circa un minuto, che compare una volta sola (all’incirca al minuto 1’47”)
  3. un tema per chitarra sola, di circa un minuto e mezzo, che compare una volta sola (all’incirca al minuto 3’47”)
  4. un tema per violoncello, archi e chitarra, caratterizzato da una interessante e ripetitiva insistenza di due accordi di violoncello e che torna sei volte (ad esempio al minuto 34’20”)
  5. un coro maschile, senza accompagnamento musicale e senza alcun testo cantato, nel quale mi sembra di poter riconoscere alcune voci degli Inti-Illimani (lo si ascolta due volte) della durata di circa un minuto e mezzo (ad esempio al minuto 47’13”)
  6. un tema per archi e chitarra che mi sembra sia l’arrangiamento di qualche brano della tradizione andina che non ho riconosciuto (lo si ascolta tre volte, dura circa un minuto e quaranta secondi, lo potete trovare all’incirca al minuto 61’23”)

Niente di lunare ed indispensabile, ma è comunque un peccato che nei vari dischi solisti di Salinas questi brani siano stati dimenticati.
Naturalmente se avete voglia di approfondire la cosa indicandomi l’origine o altri aspetti di questi brani, sarò felice di integrare questo post.