Nazca

Altro acquisto in quel di Ercolano è questo CD di Elizabeth Morris di cui avevamo già parlato qualche tempo fa.

11 pezzi di grande eleganza e sostanza. Composizioni che ben mischiano l’ampio retroterra musicale della Morris con arrangiamenti magari non innovativi ma sempre di qualità. Punto debole del disco, probabilmente, la voce della Morris stessa che sembra possedere un unico registro e non mostra sempre la duttilità necessaria. “Cancion de agua y viento” e “Aurora” sono, a mio parere, i vertici di questo lavoro.

Per quello che riguarda questo blog (non vorrei andare troppo fuori tema…) va sottolineato come Josè Seves sia autore del testo e coautore della musica del brano di apertura, “Esperanza y yo“, inoltre suona il guitarron mexicano in ben 9 brani (e, giustamente, bada bene a non rubare la scena alla Morris). C’è anche un ringraziamento a Horacio Duran (credo per consigli e insegnamenti sull’uso del charango).

http://www.elizabethmorris.scd.cl/
http://elimorris.blogspot.com/
http://www.myspace.com/elimorris

Un dubbio malizioso: ma non avrebbe avuto più senso inserire lei negli historicos piuttosto che il piccolo Salinas visto che nel suo ricco bagaglio di musicista troviamo svariati strumenti a corda (chitarra, charango, tiple, cuatro…), percussioni, sikus e chissà cos’altro ?

4 thoughts on “Nazca

  1. Condivido pienamente tutti i tuoi commenti. Il disco è musiclamente molto bello, anche se la voce… E per fortuna sua José Seves non canta!!! Camilo Salinas ho potuto ascoltarlo nel concerto dal vivo di Milano e francamente non aggiunge proprio nulla alla “qualità-Inti”; trovo anzi che la sua fisarmonica (strumento che a me piace moltissimo) sia usata troppo e non si amalgami sempre con gli arrangiamenti del gruppo. Ma, si sa, quando ci si chiama Salinas…
    Ciao
    Antonio

  2. grazie per la condivisione🙂
    però la maliziosità del mio dubbio non si riferiva al cognome di Camilo, il mio dubbio è se la Morris non sia stata presa in considerazione in quanto donna.
    Gli Inti hanno una immagine 100% maschile e inserire una donna avrebbe dimostrato coraggio nello sfidare lo sguardo retorico con il quale (specie noi italiani) li guardiamo. Sarebbe stato un esplicitissimo “siamo noi, ma non siamo quelli di una volta” che io avrei apprezzato.
    Poi magari è tutta una mia paranoia…

    salutones

    S.

  3. Tempo fa, all’epoca del primo abbandono del gruppo da parte di Josè Seves, girava voce che uno dei motivi della “rottura” non fosse tanto la sua voglia di carriera solista (peraltro il suo secondo disco, Canto Remolino, è davvero bellissimo!!!), quanto il rifiuto degli altri ad accogliere la Morris. Era il periodo in cui Seves faceva concerti con Daniele Sepe. La malizia sul cognome non era tua, ma mia… Ciao

  4. Pingback: Pájaros | UNA FINESTRA APERTA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...